<span itemprop="name">Stabilità ciclosporina collirio in soluzione acquosa</span>
Product Categories: Tagged With: ,

Stabilità ciclosporina collirio in soluzione acquosa

In base alle NBP, un Farmacista che realizzi un collirio galenico magistrale deve assegnare una data massima di scadenza di 30 giorni a meno che non siano disponibili informazioni sulla sua stabilità.

Viene reso disponibile all’acquisto uno studio di stabilità di un collirio alla ciclosporina allo 0.5% realizzato con tecnica asettica utilizzando Sandimmun® 50mg/ml soluzione e soluzione fisiologica (sodio cloruro 0.9%).
Il collirio così preparato è stato sigillato in camera sterile, conservato in frigorifero tra 2 – 8 °C per 3 mesi circa, dopodiché è stato inviato al laboratorio per l’analisi.

  1. E’ possibile assegnare più di 30 giorni di stabilità? 60 giorni? 90 giorni? 120 giorni?
  2. Qual’è la concentrazione residua al termine del periodo di analisi rispetto al campione iniziale?

L’analisi è stata condotta, per Farmagalenica SNC, presso l’Università degli Studi di Milano, dal Dipartimento di Scienze Farmaceutiche Sezione di Chimica Farmaceutica.

Viene reso disponibile il download a soli 50€.

 

Se volessi trovare delle Farmacie Italiane in grado di preparare un collirio galenico, guarda su Farmagalenica.it

€50.00
Purchase

6 commenti on "Stabilità ciclosporina collirio in soluzione acquosa"

  • Sara Mariani

    Salve buongiorno, che tipologia di ricetta è necessaria per il collirio? Ripetibile. O non ripetibile? Grazie in anticipo

    • Non ripetibile, come riportato in tabella 5 della FU per gli immunodepressori.

  • Dalila De Rienzo

    Il mio farmacista ha scritto che non va conservato in frigo . Ma in luogo fresco e asciutto. Come è possibile?

    • Credo sia una dimenticanza: a temperatura ambiente è stabile 10-15 giorni. Che scadenza ha indicato sull’etichetta?

  • Rita

    La ciclosporina a base galenica ha la stessa efficacia dell’unguento optimmune? Ho letto tanti pareri discordanti.
    Grazie

    • Salve,
      la risposta è certamente si SE il Farmacista sa lavorare bene e SE il dosaggio prescritto dal medico è simile a quello dell’Optimmune: ovviamente, se il dosaggio è (es.) più basso, dato che un veterinario può richiederlo, l’effetto finale sarà diverso.
      Altrettanto, se il Farmacista non sa (purtroppo) lavorare bene nella preparazione del farmaco sterile, è possibile che ci sia qualche mancanza di efficacia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *